Noleggiare un camper parte seconda: tutto quello che devono sapere i papà!

La vita da camper è un vero e proprio gioco di squadra

Una sorta di tutti per uno, uno per tutti dove ogni membro dell’equipaggio ha un ruolo ben definito con compiti specifici a seconda dell’età, delle capacità e, perché no, anche del sesso di appartenenza.

Se QUI raccontavo alcune regole fondamentali che ogni mamma dovrebbe conoscere all’atto di noleggiare un camper, in questo post vogliamo invece aiutare i papà che si apprestano a vivere per la prima volta l’esperienza dell’abitar viaggiando.

Insomma….roba da uomini, tanto per intenderci!

E allora pronti?

Via! 

Noleggiare un camper

Noleggiare un camper, 10 domande / 10 risposte

 

1. Che tipologia di camper offre il settore del noleggio? E quali sono i vantaggi di una scelta rispetto all’altra? 

La maggior parte dei camper a noleggio è costituita da mansardati e profilati (semintegrali). Meno diffusi i camper puri (van) e quasi del tutto assenti i motorhome. 

Il vantaggio del mansardato rispetto al profilato è di avere due posti letto in più sempre pronti, sopra la cabina di guida. Per contro, aumenta il consumo di gasolio e l’ingombro in altezza. I profilati in molti casi hanno un letto matrimoniale basculante sopra la cabina di guida. Quando non è in uso è schiacciato contro il soffitto.

2. Come scegliere il camper in base al numero di posti letto?

Per scegliere un camper a noleggio che non sia troppo piccolo né troppo grande, è necessario valutare due cose: quanti giorni durerà la vacanza e quante persone formeranno l’equipaggio.

Per una vacanza di una o più settimane il nostro suggerimento è: 

Posti letto = occupanti + 2 

Il motivo risiede nel fatto che, generalmente, due dei posti letto sono ricavati abbattendo il tavolo della dinette.

Ad esempio, una famiglia di 4 persone troverà confortevole un mansardato 6 posti. In questo modo, ogni sera, non ci sarà l’obbligo di trasformare la dinette in letto ed ogni mattina di ritrasformarlo in tavolo. 

L’importanza del tavolo sempre pronto aumenta se prevedete di organizzare una vacanza molto itinerante. Non potendo infatti sfruttare lo spazio esterno al camper per pranzare (come accade invece durante le vacanze stanziali) montare e smontare la dinette ogni giorno risulterebbe piuttosto faticoso a lungo andare 

Se il noleggio è per un week-end, o un ponte di 3-4 giorni, questo aspetto è meno critico, così come sarà necessario meno spazio di stivaggio per vestiti e viveri. Naturalmente il numero di posti omologati per il viaggio deve essere almeno pari al numero degli occupanti. 


3. Cosa devo controllare al momento della consegna?

Quando andrete a ritirare il camper, potrebbe accadere che il noleggiatore annoterà su una scheda eventuali danni preesistenti sia all’esterno che alle dotazioni interne. In caso contrario, annotate voi appena possibile, magari scattando una foto,  le ammaccature, i graffi o ogni altro difetto riscontrato. 
Il noleggiatore vi chiederà  di lasciare un assegno quale cauzione proprio per coprire i danni che riscontrerà al vostro ritorno.


4. Qual è la dotazione di bordo?

Un elenco di questo tipo dovrebbe essere disponibile a bordo. 
Bombola di gas, cunei di livellamento, cavo elettrico, tubo per l’acqua e un estintore. Fatevi mostrare la posizione di ognuno di questi accessori e fatevi spiegare il loro corretto uso. (In alcuni casi il noleggiatore vi fornirà un DVD con un filmato esplicativo).


5. Come vengono immagazzinate le acque chiare e le grigie? 

Il vostro camper sarà dotato di due serbatoi: uno per le acque chiare e di un altro per le acque grigie, ovvero gli scarichi dei lavandini e della doccia.
Tipicamente avrete a disposizione un centinaio di litri, dopodiché vi dovrete recare ad un camper service per svuotare le grigie e riempire di nuovo le chiare.


6. Come funziona il WC chimico?

Anche il WC chimico è un serbatoio. Si tratta della famosa”Thetford” dal nome della più diffusa marca di WC per camper. 
Anche questa andrà svuotata regolarmente. Una luce sulla cassetta vi avvertirà che avete raggiunto il livello massimo. 
Lo svuotamento delle acque nere deve avvenire negli appositi WC dei campeggi o nei camper service
L’operazione meriterebbe un capitolo a sé, per ora accontentatevi di un paio di regole di base: 
  • Per svuotare senza fastidiosi schizzi premete il pulsante di sfiato sul lato opposto della bocchetta; 
  • Per il risciacquo della cassetta è spesso presente un rubinetto dedicato, separato da quello per caricare le acque chiare. UsateloSe così non fosse, per ovvie ragioni di igiene, prestate la massima attenzione a tenere lontana la bocca della vostra cassetta dal rubinetto o dal tubo in gomma che a volte si trova a disposizione. Suggerimento banale? Sicuramente sì ma vi garantiamo che se ne vedono davvero delle belle… 
  • Ricordatevi, dopo ogni svuotamento, di inserire il liquido (o la pastiglia) disgregante.

7. Come funziona l’energia elettrica a bordo? Come si ovvia il rischio di restare senza illuminazione?

 L’illuminazione del vostro camper è assicurata da una batteria supplementare, detta batteria dei servizi. Esattamente come accade con il vostro smartphone, dovrete fare un po’ di attenzione ai consumi per evitare di trovarvi senza corrente. 
 
Attenzione: dalla batteria non dipendono soltanto le lampadine ma anche la pompa dell’acqua e la ventilazione forzata del riscaldamento!
 
La batteria si ricarica durante il viaggio, con l’alternatore del motore, o in sosta se ci si allaccia alla rete elettrica
L’alimentazione di rete rende disponibili anche alcune prese di corrente a 230V solitamente presenti nella zona cucina o living.


8. Come funziona il fornello a gas?

E’ esattamente come un normale fornello di casa. Potrebbe però non avere l’accensione piezoelettrica, quindi dotatevi di un accendino o di qualche fiammifero. 
Sicuramente avrà invece la termocoppia di sicurezza per evitre fuoriuscite accidentali di gas.


9. Cosa devo sapere su stufa e boiler?

Sono spesso integrati in un unico apparecchio, detto combinato
Nel funzionamento normale dovrete solo preoccuparvi di comandarne l’accensione e impostare la temperatura sull’apposito pannello.


10. Come funziona il frigorifero?

Normalmente è del tipo trivalente
Ciò significa che è possibile alimentarlo in 3 modi: 
  • A 230V quando si è allacciati, 
  • A gas quando si è fermi ma senza corrente elettrica, 
  • A 12V quando il motore del camper è acceso. 
La selezione dell’alimentazione è automatica e non dovrete preoccuparvi di nulla. Ricordate che, se viaggiate con il gas aperto, il passaggio da 12V a gas non avviene immediatamente allo spegnimento del motore ma dolo dopo 15 minuti. 
Questa funzione evita che la fiammella si accenda durante un rifornimento ad una stazione di servizio.


Questi i suggerimenti di massima che ogni papà dovrebbe tener presente affrontando una vacanza in camper.
…per tutto il resto c’è la mamma!!!


8 commenti:

  1. Pingback:duepertrefacinque - Website Under Maintenance

  2. Ciao Elisa! Sono contenta di esservi stata utile. Nel caso aveste qualche domanda dell'ultimo minuto sono qui! Un abbraccio e buoni chilometri!!!

  3. ciao! capitata qui proprio al momento giusto! con marito e due bimbi stiamo per sperimentare il camper a noleggio per la prima volta e tutti i tuoi consigli sono super preziosi, grazie millr!

  4. E' così: quando entrano in gioco le emozioni, e sono così forti, è finita!!! Vi auguro di tutto cuore di trascorrere un bellissimo we. E se non è troppo piccola da annoiarsi, potreste fare vedere a Maty "Vita da Camper". Le nostre ragazze lo adorano, magari anche lei si distrae nell'attesa di aspettare un mese!!! Un forte abbraccio!

  5. L'altro giorno Matilde si sveglia per andare a scuola e tutta gasata mi dice: mancano quattro giorni e andiamo in camper…

    Io: Maty, mi dispiace ma manca un mese, il 22 è di maggio non di aprile.

    Lacrime.

    Non sapevo cosa dire perchè mi ha preso alla sprovvista, l'ho abbracciata e gli ho detto che un mese passa infretta, vedrai come sarà bello.

    Non dico niente a mia moglie, ma io non sto nella pelle per quel fine settimana in camper.

    Per il Canada, i primi giorni sono venuti i brividi anche a noi, un paio di sere eravamo molto tristi e pensaavamo di aver fatto una cavolata. Poi dopo aver compreso gli spazi enormi, non volevamo più tornare a casa.

  6. Leggendo questo commento mi sono venuti i brividi! Complimenti per l'idea del viaggio di nozze, deve essere stata un'esperienza fantastica! Stupendo anche sapere che, come noi, ci sono tante famiglie duepertre che, nonostante tutto, continuano a mettersi in gioco e a viaggiare. Sono certa che le vostre bimbe non resteranno deluse da questa esperienza perchè – voi che avete provato questo tipo di vista lo sapete bene – questo modo di viaggiare è davvero kids friendly! Un abbraccio e, se vi fa piacere, fateci sapere come Beatrice, Matilde e Sofia (ma che bei nomi eh!) hanno reagito! Ciaoooo

  7. Ciao, vi ho scoperto oggi tramite una collega e vi sto leggendo, siamo anche noi un duepertre, con tre bimbe, Beatrice, Matilde e Sofia.
    Tra un mese faremo un week-end con un camper noleggiato, per noi adulti non è la prima volta, abbiamo fatto il viaggio di nozze in Canada girando solo col camper nel 2002, per le bimbe invece è la prima vera uscita.

    Un saluto.

  8. ottimi consigli, li mettiamo da parte 😉 Ciauuu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *