Quanto costa un viaggio in camper. Il nostro Abruzzo low cost

Quanto costa un viaggio in camper? Tante volte, prima di iniziare la nostra avventura da camperisti ce lo siamo chiesti. Ed ora, dopo diversi anni di esperienza abbiamo dati sufficienti per saperlo.

In questo post vogliamo rispondere a questa domanda prendendo come riferimento il nostro viaggio di questa estate in Abruzzo.

Il nostro Abruzzo in camper low cost. Sì, ma in cinque, quanto low?

Ve lo raccontiamo in questo post ma prima di iniziare, due doverose premesse.

La prima.

Un viaggio in camper permette, se si osservano determinate regole, di risparmiare notevolmente sulle spese in vacanza. I conti di questo viaggio si intendono al netto del mezzo. Questo significa che la cifra indicata riguarda le spese vive della vacanza senza tener presente spese di acquisto o noleggio del camper. Si tratta quindi di un post dedicato a tutti quelli che, avendo un camper di proprietà, intendono organizzare una vacanza low cost . Però questo post potrebbe essere utile anche a chi, prima di noleggiare un camper, vuole capire quanto una vacanza di questo tipo possa costare. Un post dunque che ci fa un po’ i “conti in tasca” ma che fa luce sull’abitar viaggiando dal punto di vista economico.

Seconda precisazione

Ogni viaggiatore ha il proprio modo di viaggiare. Chi in aereo, chi a piedi, chi in albergo, chi in tenda. Per ogni viaggiatore una vacanza, per ogni vacanza uno stile di vita. All’interno della stessa tipologia di vacanza esistono poi altrettante sfumature e questo concetto vale anche per i camperisti. Ci sono camperisti che usano il loro mezzo per restare stanziali nei campeggi. Altri invece che lo usano come una vera e propria casa viaggiante durante un viaggio itinerante. A seconda del tipo di vacanza che sceglierete corrisponderà un budget che tiene conto delle spese che sosterrete per cibo,  svaghi, visite guidate ed extra.

Quello che vi presentiamo è la tabella dei costi del nostro Abruzzo in camper . Per poter definire l’itinerario economico, tenete presente che in questa vacanza si esce raramente a cena; si predilige la sosta libera ai campeggi e si vive all’insegna della natura e delle cose belle che essa offre. Insomma, se amate i luoghi super turistici, gozzovigliare nei ristoranti e sostare sedentari in un campeggio, questo post non fa per voi!

Se invece vi piace l’idea di vivere un’avventura itinerante di 17 giorni in camper spendendo in cinque tutto compreso € 74 al giorno che fa poco meno di € 15 euro a testa, seguiteci nel nostro Abruzzo in camper low cost e se vi va, prendete spunto!

20160812_142808

 

Quanto costa un viaggio in camper: alcuni dati.

Questa è in breve la tabella dei costi voce per voce del nostro viaggio di questa estate.

Km percorsi: 2400

Numeri di componenti equipaggio: 5 di cui due adulti e tre bambini di 7, 10 e 12 anni.

Gasolio €360
Aree sosta e campeggi €140
Spesa (negozi e supermarket) €324
Cene/pranzi fuori (compresi gelati e simili) €150
Visite, regali e extra € 185 (compreso giro per tre in canoa al mare e giro a cavallo a Campo Imperatore) Autostrada € 100,00

Totale €1.259

Quanto costa un viaggio in camper: alcune considerazioni

Gasolio: la spesa del gasolio è quella che ha avuto il maggior peso. Al di là dell’evitare i rifornimenti dove costano di più (per esempio in autostrada) non è possibile più di tanto risparmiare a questa voce. Per fare in modo che la vacanza diventi economica bisogna quindi ragionare sulle altre voci.

 

Spesa: Prediligere i negozi locali

Una parte delle scorte cibo ce la siamo portata da casa. Preparando prima della partenza sughi e primi piatti li ho surgelati e questo ci ha permesso di evitare ristoranti, trattorie o anche rosticcerie risparmiando notevolmente alla voce vitto. Quando è stato necessario fare la spesa, oltre che servirci nei supermercati, abbiamo anche acquistato direttamente nei piccoli negozi locali. Questo ci ha permesso di provare cibi del luogo (carne, formaggi e salumi dai pastori), ma di risparmiare notevolmente. In più abbiamo goduto di cibo genuino a chilometri zero. Ne abbiamo verificato l’effettiva provenienza e ce lo siamo cucinati come piace a noi in cornici davvero spettacolari!

Quanto costa un viaggio in camper

 

Cene e pranzi fuori compresi extra: siamo pur sempre in vacanza!

Durante questi 17 giorni di vacanza abbiamo anche mangiato fuori qualche volta. Trovandoci principalmente in luoghi di montagna non abbiamo fatto fatica a mangiare in posti semplici e alla buona. Ancor di più, abbiamo preferito gustare quello che in chiave moderna viene definito “street food” e di cui l’Abruzzo è pieno. Arrosticini, porchetta, pane, formaggio e salumi consumati in strada su panche di legno senza troppi fronzoli. Semplice, buono e sicuramente più economico del ristorante! Per i “vizi” extra abbiamo consumato merende a base di gelati artigianali e dolci locali.

Quanto costa un viaggio in camper

 

Aree sosta e campeggi: sosta libera invece che aree attrezzate

Il camperista ha il grande privilegio di poter dormire dove non a tutti è concesso. Allo stesso tempo al camperista è consegnata la grande responsabilità di rispettare il luogo dove si trova evitando le soste selvagge dove questo non è consentito. Nel nostro viaggio abbiamo dormito spesso in sosta libera. L’Abruzzo che abbiamo visitato noi (la zona della Majella e del Gran Sasso) lo permette nelle zone ancora poco turistiche. In genere, per sapere se fosse possibile sostare, abbiamo sempre chiesto il permesso alla gente del luogo. Permesso che ci è sempre stato accordato con tanta gentilezza e che ci ha dato la possibilità di risparmiare davvero tanto. Siate camperisti discreti, silenziosi e rispettosi dei luoghi in cui vi trovate. La strada sarà il vostro hotel di prima classe!

Quanto costa un viaggio in camper

 

Visite, regali ed extra: ogni famiglia ha le proprie abitudini

Ogni viaggio che si rispetti prevede delle visite guidate, l’acquisto di ricordi da portare a casa ed anche divertimenti. La voce “visite guidate” è  molto variabile dal punto di vista economico. La nostra vacanza in Abruzzo ha previsto molti più siti naturalistici (e quindi gratuiti) che musei. Non sono tuttavia mancate anche le visite guidate (per esempio al Centro visite del Lupo di Popoli) che sono entrate nel budget. In questo frangente ogni famiglia segue i propri schemi. Sicuramente la vacanza avventura nella natura è meno dispendiosa di quella per esempio in città d’arte. Anche i regalini da portare a casa meritano un discorso a parte che ogni famiglia gestisce in base alle proprie abitudini e preferenze così come i divertimenti. Le nostre ragazze hanno scelto canoe al mare e passeggiate a cavallo sul Gran Sasso ma anche in questo caso il budget è variabile a seconda delle proprie scelte.

Quanto costa un viaggio in camper

Quanto costa un viaggio in camper: per concludere.

La vacanza in camper è sempre una vacanza avventurosa se la si vive in pienezza. Essa permette di risparmiare notevolmente ma bisogna avere un buon spirito di adattamento ed è necessario essere organizzati. I giorni di sosta libera prevedono che siate sempre con i serbatoi di acqua pieni, che abbiate svuotato la cassetta del WC e che abbiate le batterie ben cariche. Se dovrete stare per qualche giorno lontani dalla “civiltà” fate in modo di avere scorte di cibo e di acqua. Se prevedete di trascorrere giorni in montagna ed anche al mare fate in modo di avere sempre le bombole del gas piene. A Campo Imperatore abbiamo acceso la stufa! Se non volete essere costretti a cenare fuori spesso portatevi provviste da casa come sughi, scatolame e tante tante scorte di pasta! E dopo tutto questo partite e lasciatevi guidare dalla strada, vi riserverà delle bellissime sorprese!

img_3472

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *