L’apertura notturna delle cascate del Serio: un evento da non perdere

Cascate del Serio

Immaginate una cascata.

Immaginate che questa cascata sia la più alta d’Italia e la seconda in Europa con i suoi 315 metri di altezza ed i suoi tre salti di 166 metri di dislivello. Immaginate una diga che tenga addormentata questa cascata tutto l’anno.

E poi immaginate che, per una sola volta in tutto l’anno, questa cascata venga “svegliata” di notte, illuminata a giorno dai fari militari puntati nel buio del cielo di luglio e fatta sgorgare dalla montagna.

E già che ci siete, immaginate una folla accorsa per l’occasione, immaginate di vedere tutti con il naso all’insù, la bocca aperta per l’emozione di godere di questo spettacolo senza pari. Una moltitudine di torce frontali che sembrano tante piccole lucciole che volano nel buio della la montagna.

Provate ad ascoltare con il pensiero il canto dei grilli, cercate di percepire l’odore dell’erba e dei fiori che, nella calura della notte estiva, trasudano dall’umidità della terra. E così, di pensiero in pensiero, sognate di essere una cosa sola con la natura e date il benvenuto all’estate in occasione di questa grande festa che ha come protagonisti l’acqua e la terra.

E adesso smettete di sognare e preparate gli zaini perché questo non è un sogno, ma un evento unico al quale potrete assistere se deciderete di andare in alta Valseriana, precisamente a Valbondione provincia di Bergamo.

Le Cascate del Serio: dove si trovano e curiositàCascate del Serio

Le cascate del Serio si trovano nel comune di Valbondione – BG, sono le più alte d’Italia e misurano 315 metri di altezza. La cascata, è costituita da tre salti rispettivamente di 166, 74 e 75 metri e viene liberata da una diga che risale al 1931. Prima di allora l’acqua sgorgava da un lago naturale dal piano del Barbellino. L’ENEL che gestisce la diga, libera l’acqua solo a date prestabilite che rappresentano un vero e proprio evento che richiama sempre molti visitatori. Per poterle ammirare in tutta la loro bellezza è necessario percorrere un sentiero di montagna. Lo spettacolo dell’apertura straordinaria non è visibile dal paese.

Le Cascate del Serio: l’apertura notturna e le altre aperture straordinarie

Cascate del SerioLe cascate vengono aperte solo cinque volte l’anno secondo un calendario consultabile QUI.

Quattro di queste aperture vengono organizzate di giorno. In queste giornate le guide alpine si rendono disponibili per andare alla scoperta delle cascate e dei loro segreti.

L’apertura notturna avviene invece una volta sola in tutto l’anno. E’ un evento molto suggestivo e coincide sempre con grandi festeggiamenti in paese ed iniziative per grandi e bambini. Di particolare interesse è il programma “Cascata sotto le stelle tra gusto e tradizione” perché attraverso un percorso gastronomico, camminando di piatto in piatto, si arriva al cospetto delle cascate assaporando i piatti semplici della montagna. Si raggiunge, camminando nel bosco, l’antico borgo di Maslana recentemente restaurato. Nelle case potrete vedere gli antichi mestieri ed entrare nel vivo delle tradizioni di una volta.E vi sembrerà di entrare in una favola d’altri tempi.

Cascate del Serio

Per raggiungere il luogo dove le rocce verranno illuminate e dalle quali scaturirà la cascata, sarà anche necessario attraversare un antico ponte romano che vi porterà all’osservatorio floro-faunistico di Maslana. Una costruzione molto particolare per la sua struttura architettonica. L’edificio è infatti adagiato ad una grande roccia che ne costituisce una delle pareti portanti.

Cascate del Serio

Il punto di arrivo del vostro percorso sarà inconfondibile: il profumo proveniente da una serie di grandi paioli fumanti vi annuncerà, già dal fondovalle,  il momento della polenta, il piatto forte della montagna da gustare seduti sull’erba prima che abbia inizio il grande spettacolo.

Cascate del Serio

Una volta gustato anche il dolce ed il caffè, assaporate la bellezza della notte che cala lentamente sulle montagne, godetevi la meraviglia di questo teatro naturale ed attendete con ansia il suggestivo suono delle sirene che annunceranno l’inizio dello spettacolo: i grandi motofari verranno puntati verso la montagna dalla quale sgorgheranno ben 10.000 metri cubi di acqua . Uno spettacolo che vi lascerà a bocca aperta!

Cascate del Serio

Cascate del SerioE dopo tutte queste emozioni sarà ora di tornare a casa. Seguite il serpentone delle lucine che si muoveranno lentamente lungo la montagna e preparatevi con le vostre torce frontali ad un suggestivo trekking notturno nel bosco. L’avventura è garantita!

Cascate del Serio

Le cascate del Serio: come raggiungerle

Cascate del Serio

Lo spettacolo delle cascate non è visibile dal paese di Valbondione. Se desiderate quindi godere di questa meraviglia dovrete, per forza di cose, fare un pochino di fatica camminando nei boschi! Arrivati in paese, nella piazzetta troverete l’ufficio del turismo. Se volete partecipare all’evento gastronomico “Cascata sotto le stelle” vi dovrete registrare per la prenotazione.

Se invece non volete partecipare all’evento, potrete comunque seguire l’itinerario senza fermarvi ai punti di ristoro.

  • Dall’ufficio del turismo troverete le indicazioni per il sentiero. Dovrete comunque prendere la direzione Pianlivere/Piano Inclinato e seguire il percorso che porta al borgo di Maslana. Il primo tratto, nel bosco, sarà abbastanza in pendenza ma mai pericoloso o esposto.
  • Il dislivello è di circa 250 metri e ci vorranno circa 45 minuti per percorrerlo (tempo soggettivo)
  • Una volta giunti a Maslana si proseguirà verso le contrade Polli e Picinella che, superato il ponte romano, vi condurranno alla Piana del Serio. Raggiungerete la zona dei grandi massi in circa mezz’ora e sarete arrivati nel luogo dove la meraviglia delle cascate si compirà.

L’apertura notturna delle cascate del Serio: info utili

IMG_6797

L’apertura notturna delle cascate del Serio è un evento alla portata di tutti ma che comunque richiede la predisposizione mentale al camminare in montagna.

L’evento inizia alle ore 22.00 e termina alle ore 22.30 per cui, alla voglia di camminare in montagna, dovrete pure mettere in conto il fatto di che dovrete tornare nel bosco di notte. Non c’è nulla di pericoloso in tutto questo perché vi ritroverete a condividere il vostro trekking notturno con tantissime altre persone ed il percorso è ben segnalato, quindi non avrete difficoltà a tornare.

COSA PORTARE:

Non sono necessarie attrezzature tecniche ma è importante sapere che bisogna partire equipaggiati per la montagna. Ecco dunque come organizzarsi:

  • Scarponcini e, se volete, bastoncini telescopici.
  • Maglioncino di pile, kway e qualcosa che possa tener caldo perché la sera, fermi in attesa della cascata, sentirete il fresco arrivare dalle montagne.
  • Una coperta su cui sedersi nell’attesa e durante lo spettacolo.
  • Cibo al sacco e borracce se non partecipate all’evento gastronomico. Presso l’osservatorio della Maslana, tuttavia, abbiamo bevuto una buona birra e mangiato un’ottima fetta di torta.
  • TORCIA FRONTALE PER IL RITORNO: non dimenticatela!

All’entrata del paese vi verrà chiesto da pagare un ticket di € 5,00 che vi darà diritto di parcheggiare su tutto il territorio durante la manifestazione.

Le cascate del Serio con i bambini

20150718_171713

Non è mai semplice dare delle indicazioni sulla fattibilità o meno di un percorso in montagna. Perché ognuno vive la montagna in modo molto soggettivo.  Quindi alla domanda “si può andare con i bambini alle cascate del Serio?” non è facile rispondere.

Noi, alle cascate del Serio ci siamo stati con le nostre bambine. Tralasciando le due grandi che sono – appunto – grandi, Matilde aveva  5 anni ed ha camminato tutto il tempo (in andata) senza problemi. Se decidete di andare con i bambini considerate quindi quanto segue:

  • Bisogna fare un pochino di fatica. Valutate quanto i vostri bambini sono disposti a camminare.
  • Se sono piccoli, ma volete comunque andare, dotatevi di portantina. Potrebbero stancarsi ed il tipo di sentiero non prevede la possibilità di usare il passeggino.
  • Tenete presente che lo spettacolo inizierà alle 22.00, terminerà alle 22.30. E poi dovrete incamminarvi nel bosco. Prima delle 23.30 – 24.00 non sarete in paese. Valutate la loro resistenza a stare svegli fino a tardi!
  • Sarete in un prato in montagna di notte. Fate in modo che non abbiano freddo!
  • Dopo lo spettacolo dovrete tornare in notturna passando dal bosco. Matilde si è addormentata e l’ha fatta tutte sulle spalle di papà(!!!!). E’ stata sicuramente una fatica per il papà ma lo avevamo messo in conto e non ci è pesato farlo.

In breve:

  • Se sono molto piccoli noi vi consigliamo di evitare lo spettacolo notturno. Potete sempre godere di quello diurno con le guide alpine.
  • Se invece avete bimbi già cresciuti (dai 5/6 anni in su) non fate mancare loro questa esperienza. Se la ricorderanno per sempre!

20150718_222038

Le cascate del Serio: dove dormire in camper (ma anche non in camper)

Essendo un evento che si svolge di notte, dovrete trovarvi un posticino dove dormire al ritorno dalla manifestazione (a meno che non abitiate abbastanza vicini per tornare direttamente a casa.) A questo link troverete un po’ di indicazioni sull’ospitalità a Valbondione.

Se invece siete in camper, vi consigliamo l’area sosta Sabiunet. L’abbiamo trovata ordinata, pulita, praticamente in centro paese, vicina alla ciclabile e con accanto un ruscello dove far giocare i bambini.

In alternativa trovate anche il campeggio Valbondione di cui però non possiamo scrivere perché non ci siamo stati personalmente.

Per tutte le info riguardati le cascate visitate il sito ufficiale del turismo di Valbondione cliccando QUI

 

 

4 commenti:

  1. Buongiorno Daniela,
    nell’articolo che hai scritto sconsigli l’utilizzo del passeggino, volevo chiederti se vale anche per i passeggini a ruote alte da trekking.

    Buona giornata e grazie per le informazioni

    Marc

    • Marc, scusa il ritardo ma ero via e non avevo accesso al blog…spero di essere ancora in tempo per le info che cercavi….nemmeno con il passeggino da trekking puoi percorrere il sentiero perchè in molti punto è impervio. Solo zaino portabebè! Un abbraccio, daniela

  2. Adesso consulto il programma e vediamo se riusciamo a fare una capatina anche noi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *