Valtrebbia con bambini in camper: itinerario alla ricerca delle spiagge dove fare il bagno

Non amo particolarmente l’estate. Non la amo per la calura opprimente che si porta dentro. Non la amo perché rende tutto più lento e faticoso e non la amo perché spesso mi ha costretto a rapportarmi con la noia delle mie ragazze a casa da scuola per tre mesi. Quando erano piccole era davvero faticoso, oggi forse un po’ meno. Una delle difficoltà maggiori credo sia stata quella di cercare posti dove fare il bagno senza svenarmi. Oggi l’ingresso in molte piscine, per una famiglia di 5 persone ha prezzi esorbitanti. Da qui la necessità di andare alla ricerca di luoghi naturali dove fare il bagno senza vendere un rene divertendosi ugualmente.

L’amore per la montagna ha trasformato la a mia disperazione di mamma in salvezza grazie ad una lista di luoghi della Lombardia che ho stilato in cui si trovano ruscelli dove fare il bagno con i bambini in tutta sicurezza. Di anno in anno però non ho mai smesso di esplorare con le mie ragazze.Una scoperta straordinaria è stata la Val Vertova, in provincia di Bergamo. Pozze profonde e gelide dove immergersi e trovare refrigerio. Se desiderate scoprire di cosa si tratta, vi rimando a questo post che non è mio ma la cui attendibilità è garantita perché è di Letizia, cara amica e mamma di tre bambini che ha percorso con me quel sentiero.

Nel continuo andare alla ricerca di refrigerio, ho trovato un luogo magico e selvaggio che vale davvero la pena di essere esplorato insieme ai bambini. In questo caso, però, dovrete uscire dalla Lombardia per andare in Emilia Romagna, precisamente in  Valtrebbia, provincia di Piacenza. Abbiamo scoperto questa zona durante un week end in camper con amici e ce ne siamo totalmente innamorati. Si tratta del canyon in cui scorre il fiume Trebbia e dove è possibile tuffarsi senza troppi pericoli (se si conoscono le spiagge giuste) godendo di acque limpide color smeraldo e di una natura davvero incontaminata. L’itinerario che vi proponiamo è di due giorni in camper e prevede due spiagge diverse. Per chi fosse in auto e dovesse restare un solo giorno, consigliamo di leggere le indicazioni e scegliere una delle due spiagge a seconda dell’età dei vostri bambini o delle vostre esigenze.

Valtrebbia con bambini in camper

Acque limpidissime

Valtrebbia in camper con bambini: GIORNO 1- Berlina Beach, la spiaggia di Bobbio a misura di bambini.

Tutta la zona del Trebbia offre diverse possibilità di balneazione. Le acque del fiume, limpide e dal tipico colore verde cristallino, sono prese d’assalto in estate da molte persone in cerca di refrigerio. Dall’alto, percorrendo la strada che si snoda a picco sul fiume come un piccolo Verdon, è possibile avvistare zone sicure con spiaggette e calette dove, non di rado, qualcuno campeggia anche con le tende. Al di là di punti selvaggi più o meno facilmente raggiungibili, esistono spiagge conosciute dove recarsi in tutta sicurezza  con i bambini. Berlina Beach è una di queste perchè

  • Il parcheggio è accanto alla spiaggia e quindi dovrete percorrere poca strada a piedi con i vostri bambini.
  • Potete portarvi secchiello e paletta per giocare. La spiaggia è principalmente di sassi ma in un punto troverete una zona con sabbia che farà la gioia dei vostri bimbi. Anche il fondo, a differenza del resto del letto del fiume che è di ciottoli, è sabbioso e quindi adatto ai più piccoli.
Valtrebbia con bambini in camper

Spiaggia con sabbia per la gioia dei più piccoli

  • L’accesso alla spiaggia è libero e gratuito. Se avete bambini con voi, portate un ombrellone o qualcosa per ripararvi dalla calura: vi trovate nel greto di un fiume con tanti sassi intorno. Potrebbe fare molto caldo.
  • A ridosso della spiaggia troverete un bar dove consumare gelati, bibite, panini e piadine. Ci sono anche due altalene per far divertire i bambini.
Valtrebbia con bambini in camper

Il bar di Berlina beach

  • La corrente del fiume varia a seconda del punto della spiaggia in cui vi trovate. Nel primo tratto troverete tanti mulinelli ( ma l’acqua è bassa e quindi non sono molto pericolosi). Nel secondo tratto l’altezza dell’acqua aumenta. Qui è possibile, per i bambini più grandi, tuffarsi dai grandi massi. La corrente non è forte ma valutate attentamente se i vostri bambini sono in grado di nuotare in queste condizioni. Nel terzo tratto della spiaggia, dove c’è la sabbia, il livello del fiume si abbassa notevolmente. Anche la corrente diminuisce e quindi questo punto è particolarmente adatto ai bambini piccoli.
  • L’acqua del fiume è fredda ma assolutamente godibile rispetto alle acque gelide dei torrenti di montagna. I bambini, superato il primo momento, potranno restare a lungo immersi senza pericolo di assideramento.
  • Portate le scarpette da spiaggia perché il punto dove ci sono i ciottoli è viscido e le pietre potrebbero fare male ai piedini dei vostri bambini

Come raggiungere la Spiaggia Berlina Beach dall’area sosta Camper:

Senza uscire dell’area sosta, seguite la stradina lungo il fiume verso monte, fino alla zona industriale. Prendete via del Commercio e portatevi sulla SS45 che dovrete percorrere per un breve tratto. Attenzione, non ci sono marciapiedi. Svoltate a sx verso le terme, percorrete il ponte e seguite la strada che porta al camping Pontegobbo. Un cartello indica il fiume, seguitelo e camminate altri 800m lungo il fiume fino a raggiungere Berlina Beach. Distanza totale 2,2km.

Come raggiungere la Spiaggia Berlina Beach se siete in auto:

Arrivando da Piacenza, superate il paese restando sulla SS45. Poco dopo il ponte sul trebbia la strada curva a sinistra e sulla destra è visibile il catrtello che indica Berlina Beach (al km.92) Alcuni posti auto sono disponibili a fianco della statale, ma è possibile scendere per una ripida discesa e trovare altri posti lungo il fiume. Attenzione al limite di altezza.

Valtrebbia con bambini in camper: cosa fare la sera

Valtrebbia con bambini in camper

Ponte Gobbo a Bobbio

Dopo aver goduto del refrigerio delle acque del Trebbia, concedetevi una serata passeggiando per il paese di Bobbio che si trova a ridosso dell’area camper. Bobbio appartiene a uno dei borghi più belli d’Italia. Se arrivate il sabato, la mattina prima di andare a tuffarvi nelle acque del fiume, dedicate del tempo al mercato che ha la particolarità di essere dislocato nelle diverse piazze del paese. La sera Bobbio si anima. Non dimenticate la passeggiata romantica sul famoso Ponte Gobbo detto anche Ponte Vecchio o Ponte del Diavolo e chiamato così per la sua forma irregolare con  archi posti ad altezze diverse.

Valtrebbia con bambini in camper: GIORNO 2 Spiaggia delle anse del Brugnello

Valtrebbia con bambini in camper

Spiagge selvagge nella natura

Questa spiaggia è molto bella sopratutto perché vi regala un Trebbia molto più selvaggio dell’altra ma presenta alcune difficoltà che riteniamo di segnalare se siete con i bambini e se siete in camper.

  • Per accedere alla spiaggia dovrete percorrere un sentiero molto ripido. Non presenta grandi difficoltà anche se il terreno è un po’ sconnesso ma se avete bambini piccoli fate in modo di non essere mamme da sole con secchielli, palette e giochi. I bambini piccoli in questo tratto vanno tenuti per mano perchè il sentiero è un po’ esposto. Tenete presente che al ritorno, la discesa ripida si trasformerà in salita. E se i vostri bambini avranno giocato tutto il giorno saranno stanchi e magari faticheranno a risalire il sentiero.
  • Questa spiaggia si trova nella gola nella pietraia. E’ molto più calda dell’altra.
  • Non ci sono punti con sabbia e la corrente è più accentuata. I bimbi piccoli potrebbero avere difficoltà oppure essere in pericolo. Se decidete per questa spiaggia fate molta attenzione.
  • In questa spiaggia ci sono diverse pareti con appigli naturali dove i grandi possono arrampicarsi per fare tuffi spettacolari. Se deciderete che possono farlo, cercate i punti dove l’acqua sia profonda e dove non ci siano rocce sul fondo. Monitorate sempre le loro attività per non incappare in situazioni perciolose.
Valtrebbia con bambini in camper

Possibilità di tuffarsi dalle rocce nelle acque del Trebbia

  • Guadando il fiume potete raggiungere, a vostro piacimento, una spiaggia di naturisti dove si trovano altre spiagge in cui immergersi. Annesso troverete anche il campo di pallavolo. Per maggiori informazioni cliccate su questo sito.
  • Non ci sono bar o punti di ristoro. Prevedete di portare da casa tutto ciò che serve.
  • Il parcheggio in questa zona scarseggia. Esistono delle rientranze sulla strada ma sono davvero limitate. se siete in camper è possibile trovare posto a patto che nei week end o nei giorni di vacanza arriviate molto presto.
  • Anche in questo caso sono consigliate le scarpette da spiaggia per evitare la scomodità di camminare sui ciottoli del fondo.

Da questo punto in poi, il fiume Trebbia offre infinite possibilità di spiagge che però noi non abbiamo visitato per mancanza di tempo. La zona è tutta costellata di punti più o meno accessibili per fare il bagno. Non avendo verificato di persona non possiamo dirvi se siano adatti alle famiglie con bambini. Cliccando su questo link di google maps , facendo lo zoom e percorrendo l’itinerario delle anse del fiume, potrete trovare tutte le spiagge della zona con facilità e scegliere quella che più vi ispira.

Valtrebbia con bambini in camper

Il canyon del Trebbia con le sue spiagge visto da Google Maps

Come raggiungere la spiaggia del Brugnello:

Proseguendo da Bobbio verso sud la SS45 diventa più tortuosa. Al km88 sulla destra vediamo l’accesso al sentiero, protetto da un vecchio cancello arrugginito. Poco più avanti cerchiamo un posto per lasciare l’auto senza intralciare il traffico. In meno di 500 metri si trovano almeno due parcheggi, per una quindicina di posti in tutto.

Valtrebbia con bambini in camper: sfatiamo qualche mito

  • Le informazioni che si trovano in rete, al di là di siti ufficiali o di recensioni fatte bene, sono in alcuni casi fuorvianti. Attribuire alle acque della Valtrebbia un aspetto caraibico ci pare eccessivo. Le acque sono verdi e cristalline ma sono ben lontane da quello che trovate nei mari tropicali a cominciare dalla temperatura dell’acqua! Sicuramente vi colpirà la bellezza delle sfumature color smeraldo date dalla limpidezza dell’acqua e della vegetazione che vi si specchia.
Valtrebbia con bambini in camper

Fate attenzione ai bambini quando si immergono

  • Per raggiungere la Valtrebbia da Milano non ci vuole un’ora contrariamente a quanto si legge un po’ ovunque. Ci è stato consigliato di fare il bagno dal paese di Bobbio in poi perché il fiume, da quel punto riceve molti meno scarichi delle fabbriche e quindi è più pulito. Bobbio dista da Milano 117 km ma ci vorrà più di un’ora e mezza per arrivare a destinazione considerato anche che da un certo punto in poi aumenteranno le curve e la strada si trasformerà in una strada di montagna. Bobbio perciò è sì un paradiso ma non a solo un’ora da Milano.
  • Non troverete sabbia ovunque e quindi, anche in questo senso, non è vero che troverete le spiagge bianche dei caraibi. Sicuramente godrete di una natura incontaminata e bella da togliere il fiato, quello sì, promesso!
  • Valutate sempre con attenzione se il punto in cui vi trovate è sicuro per i vostri bambini. Valutate se l’acqua per loro non sia troppo fredda o se la corrente del fiume non sia troppo pericolosa. Dove siamo stati noi non abbiamo trovato divieti di balneazione ma ciascuno di noi è responsabile per i proprio figli e per la loro incolumità. Fare il bagno in un sito naturale è ben diverso dal farlo in piscina. Siate dunque sempre prudenti.
Valtrebbia con bambini in camper

Paesaggi lunari e natura incontaminata

Valtrebbia con bambini in camper: dove dormire in area sosta

Noi abbiamo testato l’area sosta di Bobbio che, salendo da Piacenza, si trova sulla SS45 al termine del centro abitato, prima della zona industriale. Un grande piazzale asfaltato, con pochissima ombra. L’accesso è regolato da una sbarra e il pagamento avviene tramite cassa automatica all’ingresso. A disposizione una colonnina per l’allaccio alla corrente elettrica da pagare a parte (a tempo) e due piattaforme di carico/scarico. Degna di nota la grande area picnic, con alcuni tavoli e panche a disposizione. Anche in questo caso l’ombra scarseggia, ma molte giovani piante fanno ben sperare per il futuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *