Vita da Camper

Decidere di fare una vacanza in camper (e decidere eventualmente di farla per tutta la vita) è, appunto, una scelta. Puoi decidere tutto ciò se hai una predisposizione per la vita all’aria aperta, se hai una propensione per l’avventura, per la libertà.

Perché viaggiare in camper è, innanzitutto, libertà. Ma questa libertà ha, come tutte le cose, un suo perché, una sorta di “costo” –  che costo non è per chi ama questo stile di vita – ma che lo potrebbe essere per chi, impreparato, si dovesse trovare davanti a situazioni non immaginate, non preventivate, decisamente lontane dagli standard comuni del viaggiare.

Vediamo dunque, citando il famoso film di Robin Williams (che vi invito a guardare se ancora non l’avete fatto), che cosa è questa Vita da  Camper



Vita da camper ha significato, per noi, renderci conto di non avere sempre la certezza matematica di dove dormire la sera. Significa partire con una meta ma essere sempre pronti a rimisurarsi e cambiare destinazione a seconda delle condizioni, dei desideri, delle necessità.


Vita da camper ha significato, per noi, scoprire che per poi andarci, a dormire, devi prima eseguire un’operazione importante da fare eventualmente a quattro mani per fare prima e non far fatica: devi oscurare i vetri della cabina altrimenti, domani mattina il sole entrerà con i suoi raggi e ti sveglierà.

Vita da camper ha significato, per noi, scoprire che la privacy sta tutta dietro una tendina, quella stessa tendina che fa dire alle nostre figlie “andiamo a giocare in camera tua”?

Quella stessa tendina che permette a chi è stanco di dire “ciao vado a letto” nello stesso momento in cui qualcun altro non ne ha nessuna voglia…

Vita da camper ha significato, per noi, imparare a gestire gli spazi con fantasia.

Perché se è inverno e fuori fa freddo e hai bagnato gli scarponi, devi trovare, ingegnandoti, un luogo dove poterli asciugare ed averli  belli caldi il giorno dopo.

Un luogo in cui non diano fastidio nello stretto corridoio durante i movimenti dell’equipaggio.

Un luogo riscaldato e che te li renda pronti all’uso il giorno dopo.

E quindi, un grande sacchetto di cellophane è tutto quel che ci vuole per proteggere il pavimento della doccia e lasciare tutto lì.

E necessario però ricordarsi che l’operazione va eseguita dopo la toeletta dell’intera famiglia! Ed è necessario sapere che la doccia è una fonte inesauribile di spazio: un anno, negli spostamenti tra una meta e l’altra, ci è stato dentro un seggiolone IKEA!

Vita da Camper ha significato proporre alle nostre figlie di dormire in location che ai più appaiono impensabili ma che ai loro occhi (e anche ai nostri) sono sembrate hotel a cinque stelle.
E quindi posteggiare per la notte accanto alla ferrovia, ci ha dato la possibilità di dare la buonanotte ai passeggeri di un treno e di conversare con loro mentre erano fermi in stazione.

E subito dopo, ripartito il treno, tutti sotto le coperte che è tardi ed è ora di dormire!

Vita da camper ha significato per noi dire alle bambine : “andate a stendere queste cose sul camper” e trovare poi il mezzo in queste condizioni…

Ma Vita da camper significa non poter sgridare loro perché anche tu, massaia attenta e ligia, hai trovato escamotage divertenti per stendere, come quella volta che hai lasciato (sulla carrozzeria…)  tutto il segno delle ventose dello stendino “ultimo grido”…(quello di tuo marito quando ha visto il risultato a stendino smontato…)
O come quella volta che dopo una abbondante pioggia, hai deciso di spostare la scaletta della mansarda in cabina e – mettendola in orizzontale – di  farla diventare un bellissimo stendibiancheria….

Vita da camper ha significato per noi imparare a metterci in gioco trovando, di fronte alle situazioni, delle modalità diverse di risolvere i problemi magari bizzarre, ma pur sempre delle soluzioni.
Un bel messaggio, a nostro modo di vedere, per trasmettere la voglia di darsi da fare, di usare l’intelletto e la fantasia nella quotidianità.

Una vita da camper che allena alla vita “reale”.

E per voi camperesti, cosa ha significato Vita da camper?


3 commenti:

  1. Pierantonio caro….presto dunque parcheggiato fronte mare o fronte monti con il TUO camper, forza!!!! Un abbraccio e grazie per essere passato di qua! <3

  2. Sappi che mi hai automaticamente indirizzato su su sito di camper usati….io ho fatto parte del viaggio di nozze in camper ed è uno dei ricorid più belli che ho

  3. Bella domanda! ˆ_ˆ le mie orsette sono ancora piccoline ma già da quando avevano pochi mesi si sono abituate alla vita da camper!!! Vita da camper per noi è mangiare all'aria aperta, guardare il cielo dalla finestrella della mansarda, dormire nella camera in alto…e tanto altro!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *