Camper cosa sapere. Ovvero: tutto ciò che non avete mai osato chiedere

Camper cosa sapereCamper cosa sapere è una delle ricerche più frequenti che fanno approdare le persone sul nostro blog. In una occasione vi abbiamo spiegato cosa sapere quando si decide di noleggiarne uno, poi vi abbiamo raccontato cosa considerare quando si acquista un camper usato e vi abbiamo anche dato indicazioni su tutto ciò che serve in inverno.

Ma non sempre, chi si accosta per la prima volta ad una esperienza in camper è alla ricerca di elenchi di cose da portare. Spesso il neo camperista ha bisogno di risposte riguardanti aspetti molto pratici della vita quotidiana sull’abitar viaggiando.

Perchè dai…diciamocelo… non è che si può sempre chiedere tutto….ci sono domande che difficilmente si fanno al concessionario o al noleggiatore. Eppure si tratta di domande semplici e molto pratiche, che riguardano la vita di ogni giorno. Sono quelle domande a volte sciocche, a volte imbarazzanti che però fanno la differenza tra il camperista esperto e quello alle prime armi. Quelle che impari sulla tua pelle dopo aver commesso un po’ di errori. E allora eccoci qui con un piccolo riassunto di tutte le domande camper cosa sapere della serie : tutto quello che avreste sempre voluto chiedere ma non avete mai osato farlo.

Camper cosa sapere: 10 domande/10 risposte

1 – Quando ritirerò il camper dal noleggio, vorrei partire subito ma invece dovrò perdere molto tempo per caricarlo e mi “brucerò” momenti preziosi di vacanza. Come posso fare? Trucchi e consigli?

Camper cosa sapere

Per chi ha un camper di proprietà questo problema non sussiste perché molti degli accessori sono già a bordo. Per chi si trova invece ad affrontare un noleggio, prima di partire deve per forza di cose fare i conti con un “mezzo trasloco”. Ecco come affrontare con serenità quel momento e partire il più in fretta possibile. Cercate delle scatole capienti e riempitele, nei giorni precedenti il ritiro del mezzo, per “argomento”. Su una scriverete vestiti, sull’altra stoviglie, poi preparate quello dei viveri, degli accessori per il bagno, delle coperte, delle scarpe e così via. Una volta  ritirato il vostro camper, trasportate le scatole e riponete tutto negli armadietti. In pochissimo tempo sarete pronti per partire!

2 – Con quante e quali scorte di cibo partire?

Camper cosa sapere

Dipende da che camperisti vorrete essere. Se sarete di quelli che amano usare il camper solo per spostarsi e dormire mangiando fuori per integrarsi totalmente con gli usi e costumi del vostro luogo di destinazione, vi servirà bene poco. Non fatevi mancare acqua per il viaggio, caffè se lo amate e andate all’estero, e qualche scorta essenziale di pasta e sughi nel caso vi trovaste in sosta libera lontano dalla civiltà . Se invece siete come noi una famiglia che deve risparmiare alla voce “vitto” (lo raccontavamo già QUI ) allora vi troverete a riempire lo stivaggio all’inverosimile. Partite con scorte di acqua e di latte a lunga conservazione. Non fate mancare sughi pronti, scatole di pelati, tonno, verdure in scatola come piselli, fagioli e mais (solo per fare un esempio). Abbondate con pasta e riso, minestre in busta o in latta. In qualsiasi momento sarete in grado di prepararvi qualcosa da mangiare senza dover per forza di cose andare al supermercato. Se il vostro camper ha un freezer capiente potreste pensare anche di portarvi cibo preparato a casa e surgelato: lasagne, arrosti, parmigiana, solo per darvi qualche idea. Per il cibo fresco da mettere in frigorifero regolatevi secondo le date di scadenza e secondo quanto la vostra famiglia consuma.

3 – Posso usare l’acqua dei serbatoi delle chiare per cucinare?

Camper cosa sapere

Questo è un argomento molto soggettivo. Almeno due volte l’anno bisognerebbe lavare i serbatoi delle acque chiare con un particolare prodotto igienizzante. In questo modo eventuali residui all’interno vengono rimossi. Molti camperisti, eseguendo questa operazione, si sentono sereni e usano l’acqua del rubinetto del camper per cucinare. Noi preferiamo bollire la pasta e , in generale, cucinare, usando l’acqua delle bottiglie. In questo caso, il carico di acqua nello stivaggio, sarà maggiore, almeno per non restare senza scorte i primi giorni. Poi potrete sempre andare al supermercato durante la vacanza e rifornirvi. Un buon modo per non dover usare troppe bottiglie di acqua per cucinare la pasta è quello di cuocerla per assorbimento. Nella versione “spadellabile” o “pasta risottata” riuscirete ad usare la quantità giusto di acqua aggiungendola poco per volta durante la cottura senza sprechi inutili. Il sugo potrete aggiungerlo alla fine o già durante la fase di preparazione nella pentola.

4- Stoviglie: usa e getta o plastica infrangibile?

Camper cosa sapere

Anche in questo caso ci sono due scuole di pensiero. I camperisti amanti della natura e dell’ecologia evitano la plastica usa e getta e preferiscono lavare (magari con detersivi ecologici a basso schiumaggio) le stoviglie ogni volta. In questo modo la loro vacanza diventa una vera vacanza a basso impatto inquinante. Poi, invece, ci sono quelli che prediligono le stoviglie usa e getta per non avere l’incombenza di lavare i piatti e per riposarsi il più possibile. Noi ci collochiamo a mezza via tra gli uni e gli altri. Piatti e bicchieri, sul nostro camper, sono usa e getta. La fase di riordino diventa un momento veloce e molto pratico. Per la colazione del mattino preferiamo invece grandi tazze capienti in plastica rigida (si trovano in qualsiasi negozio di accessori per campeggio); per le posate usiamo le stesse che si usano a casa perché riteniamo che siano molto più pratiche. Dopo pranzi e cene, nel nostro lavandino restano da lavare solo pentole e forchette. E le tazze della colazione se, da pigroni, non l’abbiamo fatto al mattino!

– 5 Posso scolare l’acqua della pasta direttamente nel lavandino e quindi nei serbatoi delle grigie?

Camper cosa sapere

Non fatelo!!! Se avete deciso di cuocere la pasta nel modo tradizionale, avete necessariamente bisogno di scolarla. Non fatelo mai direttamente nel lavello! Questo perché l’acqua molto calda potrebbe danneggiare i serbatoi di raccolta delle grigie e poi perché l’acqua della pasta potrebbe lasciare sedimenti nei serbatoi che genererebbero cattivi odori. Avete due opzioni: o scolate l’acqua in un piccolo catino che avrete messo nel lavello oppure dotatevi di pentole con scolapasta integrato!

6 – Ogni quanto si deve svuotare la cassetta del WC?

Camper cosa sapere

La cassetta del WC, detta Thetford, ha un sensore che si illumina nel momento in cui ha raggiunto il massimo della capienza ma, arrivati a quel punto, dovrete per forza di cose andare a svuotarla subito e, se dove siete non c’è un luogo adibito a questo, avrete dei grossi problemi… Il livello di autonomia dipende molto dal numero di componenti dell’equipaggio e dalla loro età. Per intenderci, noi abbiamo tre bambine a bordo ma sono ormai grandicelle e quindi mettiamo in conto di svuotare la cassetta ogni massimo due giorni. Se avete bambini piccoli forse potete anche posticipare di un giorno l’operazione ma non superate mai i tre giorni! Allo stesso tempo,però, non dovete nemmeno vivere con l’assillo di questa operazione al punto da effettuare lo scarico ogni giorno: rischiereste di sprecare ogni volta il disgregante che dovete aggiungere ogni volta che l’avete svuotata e lavata. Trovate il giusto compromesso. Aprendo la ghigliottina che tiene chiuso il water riuscirete comunque ad avere sotto controllo la situazione e a capire cosa fare. Insegnate piuttosto ai bambini a non sprecare la carta igienica che all’interno della cassetta occupa tanto volume.

7 – Qual è il posto migliore dove far dormire i bambini?

Camper cosa sapere

Sul nostro camper, a seconda delle situazioni, i posti a dormire subiscono variazioni. Sono diversi i fattori che influiscono sulla disposizione dei componenti della famiglia. In linea di massima esistono dei posti assegnati ad ogni componente ma quando siamo on the road, sono le situazioni a “dettare legge“. Quando si viaggia con bambini ( e non solo!), una delle prime regole da tenere in considerazione è il fattore sicurezza. Quindi se siete in sosta libera mettete i bambini in mansarda: saranno in alto e al sicuro. Voi restate nella parte bassa del camper: dovesse esserci la necessità, sarete in grado velocemente di prendere possesso del mezzo e di muovervi. Se siete in campeggio o in area sosta, non ci saranno problemi di sicurezza ed allora potranno essere i bambini a decidere dove dormire. Ed ogni volta sarà un’avventura!

8 – Vanno bene le lenzuola per dormire in camper?

Camper cosa sapere

Anche in questo caso, esistono diverse scuole di pensiero anche perché le forme e le misure dei materassi sul camper cambiano a seconda dei modelli. In linea di massima il problema non sono tanto le lenzuola quanto la difficoltà di rifare il letto ogni giorno. Soprattutto in mansarda si fa fatica e quindi si rendono necessarie delle soluzioni che in breve permettano di sistemare il letto e senza fare troppa fatica. Se noleggiate un camper potreste usare un lenzuolo con angoli per coprire il materasso e poi usare un comodissimo sacco a pelo. La mattina lo arrotolerete e lo metterete in fondo al letto e tutto sarà in ordine. Se il camper sarà vostro, potreste optare per i sacchi letto con lenzuola integrate attraverso delle cerniere. Tutto resterà in ordine e non si muoveranno le coperte. Trovate questi articoli nei negozi di settore.

9- Pulizie in camper: come si fanno?

Camper cosa sapere

Il fattore pulizie in camper è molto soggettivo. C’è chi ama avere sempre tutto in ordine e profumato anche in viaggio e chi invece pensa che sia giusto anche rilassarsi un pochino. Si tratta di trovare il giusto mezzo: siamo pur sempre in vacanza! Per prima cosa dobbiamo distinguere tra pulizie on the road e pulizie al ritorno dal vostro viaggio.

Pulizie on the road. In linea di massima, sul vostro camper non dovrebbe mai mancare una piccola scopa. In questo modo, al momento opportuno, potrete dare una passata al corridoio ed in pochi minuti già avrete eliminato una grossa parte di lavoro. Sopratutto se viaggiate con bambini, non sarà una opzione rara trovare briciole e cibo in giro per il camper. Molto utili quei piccoli “aspirapolvere/aspirabriciole” che trovate nei negozi di settore o anche nei supermercati. Tanti funzionano anche con l’accendisigari e quindi consumano poco. Per quanto riguarda le pulizie del bagno, non fate mancare a bordo dei detersivi igienizzanti ed una spugna: vi torneranno utili quando, dopo qualche giorno di vacanza, vorrete fare le pulizie di fino. Per la quotidianità, invece, si può considerare di usare delle salviettine già umidificate che igienizzano e, allo stesso tempo, vi permettono di risparmiare tempo.

Pulizie al ritorno dalla vacanza. A fine vacanza, invece, laverete i sacchi letto, aspirerete ogni angolo del camper e, con l’acqua ed una spugna passerete tutte le pareti ed i pavimenti. Ricordate di controllare gli armadietti uno per uno e di togliere le scorte di cibo già aperte o in scadenza: potreste avere brutte sorprese!

10 – I serbatoi delle acque. Come li riempio e come li svuoto se sono stanziale?

Camper cosa sapere

Il camper è un mezzo che permette di dormire ogni sera in un posto diverso ma non tutti amano questo tipo di vacanza decisamente avventurosa e a volte stancante. C’è chi preferisce concedersi una vacanza in camper fermandosi in campeggio per più giorni. Questo tipo di vacanza stanziale spinge i camperisti a mettere le tende e quindi ad organizzarsi con veranda, tavolo, sedie e tutto ciò che permette di vivere con agio e piacere il plein air. In questi casi, in genere, si usano i servizi del campeggio: per il lavaggio dei piatti, le docce e l’uso del WC, si usano i servizi comuni. Se però avete bambini piccoli, non sarà raro che dobbiate sfruttare la comodità del camper per una doccetta veloce o per lavare un biberon. Anche se lentamente, le scorte di acqua finiranno mentre i serbatoi delle acque grigie si riempiranno. Se non volete, come si suol dire, smontare ogni volta baracca e burattini, dotatevi di due secchi. Con un secchio svuoterete le grigie e con l’altro (pulito) riempirete le chiare (dotatevi di un imbuto con imboccatura telescopica che entri nel serbatoio!). Molto utile un carrellino leggero che vi aiuterà nei viaggi per non arrivare a fine lavoro stanchi e stremati.

Buona vacanza in camper a tutti!

 

 

 

2 commenti:

  1. Consigli preziosi come sempre, soprattutto nella gestione delle acque! Daniela docet 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *