Bambini e ramponi: trekking in montagna su ghiaccio e neve dura

Quando la coltre bianca arriva, per noi amanti della montagna è sempre una grande festa. Significa che è arrivato il tempo delle belle ciaspolate con i bambini: un’attività poco costosa e che permette di vivere insieme a loro una natura invernale in modalità slow. Al contempo, la colonnina di mercurio nei mesi invernali più freddi scende sotto lo zero e non è raro trovare sui sentieri ghiaccio duro o neve che, caduta magari in minima quantità, invece che essere soffice e farinosa, si presenta come un lastrone pericoloso che, con le ciaspole, non può essere affrontato.

Che fare dunque? Rinunciare a suggestivi trekking invernali in attesa che il disgelo faccia la sua parte in primavera? Qualche tempo fa, noi avremmo fatto esattamente così. Poi, complici le uscite organizzate dalla nostra sezione CAI locale, abbiamo imparato a percorrere i sentieri di montagna anche quando sono coperti di neve dura o dal ghiaccio.

Come? Calzando i ramponi e scoprendo, a differenza di quanto pensavamo, che non sono solo accessori utilizzati dai pochi esperti della montagna che amano scalare le cascate di ghiaccio. In questo caso, vengono usati dei modelli piuttosto costosi e molto tecnici con tante punte che permettono a chi sta scalando, di affondare lo scarpone nel ghiaccio favorendo la salita con l’aiuto della picozza.

Bambini e ramponi

Ramponi per scalare le cascate di ghiaccio

Ma i ramponi possono essere anche usati durante un semplicissimo trekking anche quando non siamo dei grandi alpinisti.

Ramponi: cosa sono, quando e come utilizzarli

Bambini e ramponi

Una premessa. QUESTO NON E’ UN POST TECNICO. E non ha nemmeno la pretesa di esserlo!

Le considerazioni che trovate qui sono solo il frutto della nostra esperienza di famiglia con bambini che ama andare in montagna per divertimento e svago e che ha usato i ramponi per camminare su tratti troppo gelati da essere attraversati con gli scarponi o con le ciaspole.
Caratteristiche tecniche e specifiche sono da ricercare altrove!

I ramponi ricordano un po’ per forma e struttura i pattini di una volta che si allacciavano sopra le scarpe normali. Sono dotati di punte che servono per fare aderenza sul ghiaccio e che permettono di non scivolare. A seconda dei modelli, i ramponi vengono utilizzati per diversi tipi di escursioni: alpinismo sui ghiacciai, cascate di ghiaccio, tratti di misto roccia e ghiaccio o trekking facili.

Esistono tante marche di ramponi con prezzi diversi a seconda della qualità e dei materiali con cui sono stati costruiti (alluminio, più leggero o acciaio, più resistente). I modelli cambiano anche a seconda dei numeri delle punte e della loro collocazione. In commercio poi esistono anche catenelle o delle specie di “calzette” in silicone da mettere sugli scarponi ( sicuramente non paragonabili ai ramponi ) che, in un contesto di semplice sentiero non in pendenza e poco ghiacciato possono comunque aiutare. Facile anche trovare delle “piastre” con speroni solo intorno al perimetro (e quindi senza i “corni” davanti) che per i trekking semplici vanno bene.

Bambini e ramponi: una questione di sicurezza in montagna

Bambini e ramponi

In occasione di una notturna al chiaro di luna, ci siamo trovati davanti alla necessità di indossare i ramponi in quanto il fondo era ghiacciato e molto scivoloso. Luna piena, cielo sereno con un tetto di milioni di stelle e raffiche di vento fortissime, avevano reso il sentiero una lastra di vetro e quindi, solo con gli scarponi impraticabile. Senza i ramponi saremmo dovuti tornare indietro perché era davvero impossibile camminare.

Dotare i bambini di questi accessori è assolutamente consigliato per la loro incolumità, ci avevate mai pensato?

Se vi piace andare in montagna con i vostri bambini, è dunque sempre utile in inverno avere nello zaino un paio di ramponcini. Fosse anche per brevi passeggiate, fate loro indossare delle semplici catenelle e avrete garantita la loro sicurezza. Ecco perché il binomio bambini e ramponi è un’accoppiata vincente! Perché significa offrire loro una montagna sicura, lontana da pericolose cadute e da vivere in tutta serenità. Considerate i ramponi come se fossero le cinture dell’auto: partireste per un viaggio senza aver ben legato i vostri bambini?

Ciaspole dunque per la neve soffice e farinosa ma ramponcini sempre nello zaino per non farsi trovare impreparati in caso di sentieri dal fondo duro e ghiacciato nascosto dalla coltre. E poi la montagna in inverno non avrà più segreti per voi!

Bambini e ramponi

 

 

 



 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *