Ciaspolare con bambini: 5 sentieri in Lombardia

Ciaspolare con bambini

Sciare, “bobbare“, andare sullo slittino, rotolare, praticare lo sci di fondo, fare snowboard

Verbi che, durante il periodo invernale, ben si associano ad esperienze piacevoli da praticare in famiglia con bambini.

Anche ciaspolare è un verbo tipicamente invernale.

Questa pratica – grazie ai sempre più numerosi rifugi che organizzano eventi sulla neve – negli ultimi anni sta riscuotendo discreti successi in modo particolare nel mondo dei grandi.

Il binomio ciaspole – bambini, è invece, un evento piuttosto raro forse perché lo si associa alla fatica del camminare o perché – qui da noi – non è tanto diffuso questo tipo di cultura e si preferisce spingere i bambini verso una montagna dal ritmo decisamente più veloce e frenetico.

Quello che ai più sfugge, invece, è la possibilità di proporre, ogni tanto,  ai figli una montagna silenziosa e meditativa, da godere a passo lento e in tutta libertà. Una montagna da “meritarsi” con un po’ di sforzo,  da conquistarsi solcando un manto completamente immacolato, una montagna tutta da scoprire cercando, magari, le impronte degli animali in cerca di cibo.

Una montagna, insomma, da gustarsi fino in fondo e da vivere in modo attivo.

Ciaspolare con bambini

E allora perché non uscire dagli schemi e regalare ai vostri bambini un’esperienza indimenticabile?

Scoprirete che ciaspolare con i bambini è un’attività poco costosa, non pericolosa e molto più semplice di quanto si possa pensare perché non richiede nessun tipo di abilità fisica (e quindi è adatta  a tutti) . I bambini impareranno molto in fretta ad indossare le racchette da neve e, quando saranno stanchi, le slacceranno con facilità e saranno subito pronti per giocare con la neve in totale libertà. Non servono infatti scarponi particolari per utilizzarle . Una volta slacciate potranno essere appese allo zainetto e i bambini saranno liberi di muoversi come vorranno senza ingombri e pesi per le mani.

Se  dunque saprete scegliere i sentieri giusti, non troppo esposti e magari con poco dislivello, vi assicurerete una giornata indimenticabile in totale simbiosi con la natura che tanto piacerà ai vostri bambini ma che sicuramente appagherà molto anche voi. Non dimenticate, prima di partire non dimenticate di scaricare la lista delle cose indispensabili per ciaspolare con bambini QUI

Ciaspolare con bambini

Ecco qui di seguito 5 mete in Lombardia che noi abbiamo provato di persona con le nostre bambine. Vi presentiamo questi itinerari in ordine di difficoltà: dal più facile e percorribile con bambini piccoli a quello più “pretenzioso” da proporre a bambini grandicelli già abituati a camminare in montagna.

E’ doveroso sottolineare che il grado di difficoltà è sempre molto soggettivo e varia a seconda delle nostre capacità e delle nostre attitudini.

In linea di massima tutti i sentieri che vi elenchiamo qui di seguito sono fattibili perché non presentano tratti esposti o pericolosi. Nella nostra classificazione tuttavia, abbiamo ritenuto importante valutare anche il concetto di sforzo fisico. Ci sembrava un buon metro di valutazione considerando che molti dei nostri lettori sono famiglie con bambini che magari si avvicinano a questa esperienza per la prima volta.

Valutate dunque sempre la vostra esperienza e le abitudini  dei vostri bambini prima di partire e ricordate che non è necessario arrivare per forza alla meta. Il bosco innevato percorso a passo lento merita sempre di essere esplorato e riuscirà ad incantarvi con la sua bellezza e magia.

Pronti dunque? Indossate le ciaspole e seguiteci!

Ciaspolare con bambini: cinque sentieri in Lombardia

(I titoli sono tutti link ai siti dei rifugi. Sarà più veloce contattarli se lo vorrete!)

RIFUGIO MADONNA DELLE NEVI – Mezzoldo (BG) – Val Brembana

Ciaspolare con bambini

http://forum.valbrembanaweb.com/

Difficoltà: facile (dislivello circa 100 mt). Tempo di percorrenza 1 h – 1.30 h

Come arrivare:

Questo rifugio si raggiunge comodamente in auto. Circa 5 km dopo l’abitato di Mezzoldo, al primo tornante della strada provinciale che porta al Passo San Marco, girare a destra seguendo le indicazioni per il rifugio.

Arrivati potrete portare  i vostri bimbi a provare le ciaspoline sul sentiero dell’abetaia che parte dalla parte bassa del parcheggio. Il sentiero è un anello usato anche per lo sci di fondo. E’ molto suggestivo perché si sviluppa all’interno di una fitta foresta di abeti che, tra ponti di legno e scorci suggestivi collega il rifugio con la località Ponte dell’acqua dove si trova un laghetto artificiale.

Ciaspolare con bambini

Lasciate che i vostri bambini esplorino in tutta libertà questo percorso sicuro e prendano confidenza con le ciaspole. Noi siamo capitati in un giorno di tantissima neve ed è poi andata a finire così!

Ciaspolare con bambini

Una volta terminata la vostra escursione non fatevi scappare l’occasione di gustare un buon piatto di polenta taragna al rifugio. (Verificare apertura).

RIFUGIO LUNA NASCENTE – Cascina Piana (SO) -Val di MelloCiaspolare con bambini

Difficoltà: semplice con dislivello moderato (200 mt). Percorso lungo. Tempo di percorrenza andata: 1.30h- 2h. Ritorno: 1 h – 1.30 h.

Come arrivare:

Lasciata l’auto nel grande parcheggio all’ingresso dell’abitato di San Martino, incamminarsi seguendo le indicazioni per la Val di Mello.

La Val di Mello è uno dei gioielli della Valtellina. La piccola Yosemite italiana è bella da togliere il fiato in autunno (clicca qui per vedere), piccolo paradiso in estate per la bellezza delle sue acque gelide verde smeraldo. In inverno i ruscelli si ghiacciano e la natura mostra il suo lato più magico e segreto. I vostri bambini a passo lento attraverseranno il lungo viale sotto l’inchino dei rami spogli appesantiti dalla neve

Ciaspolare con bambini

attraverseranno ponti di legno e percorreranno fitti boschi di pini

20150215_145454

e resteranno affascinati da piccoli dettagli che solo nella quiete e nel silenzio di una nevicata si possono gustare.

20150215_112631

Anche al rifugio Luna Nascente è possibile gustare i piatti della tradizione e fermarsi a dormire.

(Verificare prima della partenza disponibilità. Per la sua impareggiabile bellezza la Val di Mello è una meta molto ambita).

BAITA CARICC – Arnoga (SO) Val Viola Ciaspolare con bambini

Difficoltà: facile (dislivello circa 200 mt), ma percorso lungo. Tempo di percorrenza 2.30 h/3 h in andata. Ritorno 2h/2.30 h.

Come arrivare:

Il sentiero parte da Arnoga al tornante in corrispondenza del ristorante “Li Arnoga”

Non siamo riusciti a raggiungere questa meta per mancanza di tempo (siamo partiti nel tardo pomeriggio) ma abbiamo percorso buona parte della strada che conduce al rifugio. E’ una comoda mulattiera la via è  battuta  per cui i bambini la percorreranno in completa autonomia senza fare troppa fatica.

IMG_4217

IMG_4204

Impagabile il panorama quando si finisce di percorrere il sentiero che costeggia il bosco e si entra nella valle dove la vista è più aperta e si cammina con lo sguardo sulle montagne.

IMG_4236

Giunti all’agriturismo è possibile gustare i piatti tipici della zona  godendo di uno scenario davvero mozzafiato. E se volete, il rifugio offre anche la possibilità di trascorrere la notte.

(Verificare apertura e disponibilità prima della partenza sia per il ristorante che per le camere.)

Rifugio Alpe Piazza – Albaredo per San Marco (SO) – Valle del BittoIMG_3982

Difficoltà: medio/difficile con dislivello mt. 500 Tempi di percorrenza: 3 h andata. Ritorno 2.30 h.

(Sconsigliato alle famiglie con bambini piccoli. Per bambini dagli 8 anni in su abituati a camminare in montagna)

Come arrivare:

Raggiunto il paese di Albaredo (SO), proseguire per 5 km verso il Passo San Marco. In prossimità del bivio a sinistra e del cartello “Rifugio Alpe Piazza” parcheggiare l’auto e prendere il sentiero che sale sulla sinistra.

Abbiamo percorso questo sentiero camminando di notte. L’emozione di ciaspolare al chiaro di luna è qualcosa di indescrivibile che, almeno una volta nella vita, andrebbe vissuto. Questo sentiero, tuttavia, merita anche di giorno.  Raggiungere il rifgio, suonare la campanella per annunciarsi e godere di una vista mozzafiato sono solo alcune delle emozioni che potranno vivere i vostri figli se deciderete per questa meta.

IMG_3990

Se desiderate avere maggiori dettagli su questa meta e sulla ciaspolata al chiaro di luna (alba inclusa come quella della foto) potete cliccare QUI e leggere il resoconto della nostra esperienza.

IMG_4030

All’Alpe Piazza non perdete l’occasione di assaggiare uno dei più famosi e pregiati formaggi della zona: sua maestà il bitto.

RIFUGIO RESEGONE Fuipiano (BG) – Valle ImagnaCiaspolare con bambini

Difficoltà: medio/difficile con dislivello 800 mt. Tempi di percorrenza: 5 h. Percorso ad anello.

Sconsigliato alle famiglie con bimbi piccoli.

Come arrivare:

Raggiungere il paese di Fuipiano (BG) e parcheggiare nella zona della chiesa. Il sentiero parte da Via Milano. Per il ritorno, dal rifugio Resegone, seguire la mulattiera che attraversa la valle ad una quota più bassa fino a raggiungeregli abitati di Galzaniga, Amosto ed infine Fuipiano.
Questa ciaspolata è una bellissima sfida per i bimbi più grandicelli perchè, dopo una salita impegnativa, si troveranno a camminare per un lungo tratto sulla cresta della montagna.  Se volete scoprire ulteriori dettagli su questo sentiero cliccate QUI leggete tutto il nostro racconto.

Buona ciaspolata dunque a tutti: che sia breve, facile, faticosa o semplice, sicuramente vi saprà regalare emozioni grandi. E nel vostro andare lento, osservate i vostri bambini e leggete nel loro cuore quanta felicità vi abita…
Ciaspolare con bambini


3 commenti:

  1. Noi come età siamo 5, 4 e 1…per ora siamo in Francia, la montagna sciabile più vicina a due ore, non certo le Alpi, ma per cominciare andrebbe benissimo. Se rimaniamo qua anche il prossimo anno sicuramente mi organizzerò per qualche domenica sulla neve, se invece rientriamo in Italia bisogna vedere dove ci manderanno, anche se presumibilmente sarà Roma e quindi potrò organizzarmi con le organizzazioni italiane che conosco sicuramente meglio.
    Grazie mille!

  2. Quando ero un’adolescente ho fatto diverse ciaspolate, era un’attività che rimpiazzava l’allenamento di sci da fondo e l’adoravo. Mi piacerebbe poterla fare con i miei bimbi, se traslocheremo in un posto dove la montagna è più facilmente raggiungibile.
    Voi quando avete cominciato a fare gite in montagna con i vostri figli? Io sono l’unica “montanara” in famiglia e quindi mi dovrei sorbire tutta l’organizzazione, nonché l’istruzione dei tre piccoli e del marito :))

    • Ciao! Noi abbiamo cominciato quando la grande aveva circa sette anni e di conseguenza la mezzana 5 e la piccola 2. Ci siamo attrezzati con la portantina per la piccola e organizzavamo camminate alla portata delle due “grandi”. Chiaramente niente ciaspolate o cose impegnative fino a che sono cresciute un po’ di più. La vera svolta l’abbiamo avuta quando le due grande si sono iscritte al CAi. Avevano rispettivamente 7 e 9 anni. A quell’età hanno cominciato a fare cose più impegnative. Anche noi abbiamo imparato molto seguendo il gruppo e gli accompagnatori, potrebbe essere un’idea anche la vostra famiglia. Avete mai pensato di cercare la sede CAi più vicina a voi e vedere se ha un programma di gite family o di alpinismo giovanile? Da cosa nasce cosa e in men che non si dica tutta la famiglia potrebbe innamorarsi della montagna! Un abbraccio e buona montagna! <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *